Massimo Ottini talent scout di “Cremona Musica downtown giovani”

di Giorgiana Strazzullo

Massimo Ottini, classe 1958 di Soresina in provincia di Cremona, è un agitatore culturale  organizzatore di eventi, musicista autodidatta e talent scout. Presidente dell’associazione musicale “Soresina Music Movement” organizza la seconda edizione di “Cremona Musica downtown giovani” promuovendo giovani artisti, cantautori e le band emergenti.

 

Quando è nata la collaborazione con Cremona musica?

Il Format è nato lo scorso anno, il 2021, su idea di Alessio Ambrosi curatore dell’Acoustic Guitar Village e amico di vecchia data!

Ci siamo conosciuti quando organizzava a Sarzana la settimana sulla chitarra acustica!Insieme abbiamo organizzato nel 2012 l’indimenticabile concerto di Bob Brozman nel teatro di Soresina prima che mancasse.

Ambrosi mi ha proposto di organizzare la rassegna dedicata ai giovani emergenti in virtù dei miei sessantaquattro anni e del fatto che, organizzando da sempre eventi, ho una fitta rete di contatti nella provincia di Cremona.

 

Come funziona il format di “Cremona Musica Downtown giovani”?

Sono ammessi tutti i generi: mi sembra giusto mettere insieme tutti i ragazzi, soprattutto se suonano musica diversa! È importante creare occasioni di incontro e far sì che nascano delle belle amicizie capaci di ispirare le nuove generazioni.

 

Quest’anno ci saranno delle novità?

Abbiamo fatto realizzare trenta sagome di chitarra senza manico. La mia idea è quella di farle dipingere, sia dai ragazzi che verranno a suonare che da quelli che verranno ad ascoltare! Chiunque potrà colorarle!

Verranno messi a disposizione dei colori e la migliore sagoma verrà premiata come simbolo che unisce tutte le arti. I colori sono importanti! Rispecchiano l’energia e la vita che la musica esprime.

 

Qual è la Mission dell’iniziativa?

I giovani e la loro musica sono la Mission! È importante dare loro la possibilità di salire sul palcoscenico soprattutto nell’era digitale! I giovani trascorrono la maggior parte del loro tempo in una cameretta in compagnia di un computer e di una tastiera!

È bello sapere che uno strumento, ad esempio una chitarra, può portare i ragazzi davanti ad altre persone ed essere veicolo di grande emozione anche se sono all’inizio del loro percorso artistico!

 

Chi sono i giovani artisti?

La lista è in aggiornamento, quelli selezionati da me sono:

Il gruppo “Musica spiccia - baule dei suoni”, Silvia Buzzetti e Matteo Falavigna “Silvie’s Acoustic Duo”(chitarra e voce), Emma Zanardi (ukulele e voce), Beatrice Francioni (chitarra e voce), Spinelli Francesco (chitarra e voce), Andrea Cattarina Band, Gabriela Condulet (chitarra e voce), Anastasia Hammermüller (chitarra e voce), Michele Cassano (chitarra e voce), Liceo Musicale Stradivari di Cremona (chitarra classica), gli allievi della Fondazione Esta (12 violinisti).

 

Un bel ricordo? Un momento speciale da raccontare durante la precedente edizione?

A mio avviso è stato speciale aver organizzato l’intera rassegna!

L'anno scorso purtroppo pioveva e faceva insolitamente freddo, nonostante tutto dalle ore 14 fino alla fine della manifestazione i ragazzi sono rimasti in ascolto delle performance di tutti dimostrando grande interesse e fratellanza!

È stato bello vederli tutti insieme a scambiarsi idee, complimenti e numeri di telefono nonostante il disagio del mal tempo!