A Cremona Musica le chitarre elettriche costruite con i vecchi flipper degli anni '60

Luciano Biasibetti, collezionista di chitarre, ha portato al Cremona Musica International Exhibition and Festival le sue 6 corde realizzate con i pianali dei vecchi flipper

 

Nella sua vita ha collezionato fino a 7.000 chitarre. Ha avuto un negozio fornitissimo in via Solferino, a Milano, in cui si rifornivano alcune delle rockstar italiane. Ora, in pensione, Luciano Biasibetti crea chitarre elettriche decisamente particolari, delle chitarre di design che si inseriscono all'interno della tradizione della Pinball art e le ha portate al Cremona Musica International Exhibition.

"Per realizzare queste chitarre recupero i pannelli dei flipper degli anni '60 e' 70. Arrivano soprattutto dagli Stati Uniti e sono di un legno che va benissimo per fare le chitarre - spiega Biasibetti -, si tratta di legni nobili, che ai tempi non costavano molto. Si possono trovare anche fogli di acero e mogano". L'amante di chitarre spiega che sul quel legno è passata la corrente, la pallina del flipper ed è come se quel vissuto avesse "tostato" il legno. "Diventa una chitarra rock" continua Biasibetti. Per realizzare una sola chitarra l'amante delle 6 corde impiega circa due settimane. 

Continua la kermesse di tre giorni dedicata al meglio della produzione mondiale di strumenti musicali a CremonaFiere. Oltre 300 espositori provenienti da 30 paesi diversi, di cui il 64% dall’estero. Sono solo alcuni dei numeri di Cremona Musica International Exhibitions and Festival che ha inaugurato ieri venerdì 27 a Cremona. L’unica fiera della musica specializzata e internazionale in Italia, unica nel suo genere. Durante la manifestazione saranno numerosi gli appuntamenti che allieteranno gli appassionati.

 Anche quest’anno torna il Cremona Musica Award per premiare personalità e progetti che hanno raggiunto l’eccellenza nel proprio ambito contribuendo alla diffusione dei valori della grande musica. Tra i premiati di domenica 29 vedremo protagonisti Paco Peña, leggenda della tradizione musicale spagnola. Il grande musicista riceverà il premio alle ore 11.30. La presenza di questa star internazionale, con più di mezzo secolo di carriera alle spalle, sarà la ciliegina sulla torta di una sezione particolare della fiera, che quest’anno sarà dedicata alla tradizione chitarristica spagnola e alla chitarra flamenca. Ma non solo, sempre domenica 29 alle ore 15.30 verrà premiato Salvatore Accardo nella categoria “performance-archi”.

Per proseguire con gli appuntamenti alle ore 12, ci sarà poi una sfida decisamente singolare, tra uomo e robot. Nell’esperimento chiamato “Esperienze di ascolto” lo stesso brano musicale verrà eseguito prima dal vivo dal pianista Costantino Catena, poi dal pianoforte Disklavier, uno strumento in grado di suonare autonomamente e di registrare e riprodurre acusticamente esecuzioni pianistiche e infine dal robot pianista TeoTronico. Alla fine verrà distribuito un questionario agli ascoltatori per valutare come la percezione del brano ascoltato cambi al variare della gestualità che l’ascoltatore vede durante l’ascolto.

 

Nel fitto calendario di appuntamenti previsto per domenica 29 settembre, anche il prestigioso premio Franco Abbiati del disco. Grandi interpreti della musica classica mondiale tra i premiati Daniel Barenboim e l’orchestra della Scala. L’importante riconoscimento per il primo anno si amplia anche alla musica registrata la cui consegna avverrà a Cremona Musica il 29 settembre alle ore 13.30 in sala Bergonzi. Nato nel 1981, il premio della critica musicale “Franco Abbiati” è uno dei più importanti riconoscimenti in Italia in ambito musicale, e individua i migliori protagonisti, eventi e progetti di musica dal vivo. L’Associazione nazionale critici musicali amplia la propria storica attività d'indagine collegiale alla musica registrata, per contribuire alla conoscenza di prodotti recenti che abbiano un rapporto stretto con l'industria culturale e la storia musicale italiana e internazionale

Sempre domenica 29 settembre alle 15.00 Cremona Musica ospiterà anche il forum Nazionale dello Strumento Musicale, un appuntamento dedicato ai rivenditori e distributori di strumenti musicali durante il quale verrà presentato il nuovo Osservatorio Dismamusica, l’autorevole report sull’andamento del mercato degli strumenti musicali nell’ultimo anno, e si discuterà sulle opportunità di crescita del settore.

Questi sono solo alcuni dei 178 eventi in cui verranno coinvolti 358 artisti, relatori e personalità del mondo della musica, che affiancheranno l’area espositiva, divisa in cinque differenti saloni: Mondomusica, Piano Experience, Cremona Winds, Acoustic Guitar Village e, dal 2018, Accordion Show. Un’edizione sempre più internazionale a cui parteciperanno anche buyer ufficiali da Corea del Sud, Giappone, India e Stati Uniti. Un’occasione unica per osservare e provare in prima persona i violini dei maestri liutai cremonesi, italiani ed esteri, ma anche i più moderni pianoforti, fiati, chitarre e fisarmoniche. Con il biglietto di ingresso alla fiera i visitatori potranno assistere a decine di concerti, masterclass, mostre storiche, conferenze per un calendario degno di un grande festival.