Il ministero a Cremona per parlare della gestione del patrimonio culturale

Si è svolto ieri a Cremona uno dei sei incontri organizzati dal Ministero dei Beni Culturali a giro per l’Italia per discutere della gestione complessa del patrimonio culturale attraverso reti museali e sistemi territoriali. Durante la presentazione del segretario generale della Camera di Commercio Maria Grazia Cappelli sulle eccellenze cremonesi nel panorama internazionale ha parlato anche di Cremona Musica.

Una scelta, quella di tenere l’incontro a Cremona, che premia la capacità della città di preservare e promuovere il proprio patrimonio culturale, in primo luogo quello immateriale dell’arte della liuteria, che da secoli rende Cremona una città unica al mondo. Proprio l’impegno delle tante istituzioni dedicate alla musica ospitate dalla città, ha permesso a questo patrimonio culturale di restare vivo, autentico, ma allo stesso tempo di rinnovarsi. Proprio questa tradizione ha permesso a Cremona di diventare un punto di riferimento imprescindibile per gli amanti della musica, per chi la suona, per chi la studia, per chi produce e distribuisce gli strumenti musicali.

Durante l’evento, che si è tenuto al Museo del Violino, hanno preso la parola molti dei rappresentati delle istituzioni impegnate nel preservare il patrimonio culturale cremonese, ma anche esperti e direttori di importanti istituzioni culturali da tutta Italia.